Intervista ad Alberto Mattei Nomadi Digitali

Iscriviti al Podcast: ITunes – Android

Alberto Mattei, consulente ed esperto in comunicazione. ha fondato una piattaforma NomadiDigitali.it  che è oramai un riferimento per chi pur muovendosi sul globo non ha tralasciato di fare crescere le proprie competenze lavorative.

Mi è piaciuto parlare con Alberto perché si esce decisamente dallo stereotipo del Nomade Digitale che si trascina cambiando continente ogni 2-3 mesi, che lavora a bordo piscina, o su una spiaggia dorata barcamenandosi tra mille precari lavoretti.

Per Alberto Mattei i Nomadi Digitali sono dei professionisti che lavorano da remoto. Sono insomma dei Location Independent non indifferenti però alla questione che il lavoro possa essere un importante modo per esprimere se stessi, nonché una delle strade che portano alla felicità.

E anche preoccuparsi per il domani… non è, per questa categoria, un Peccato Mortale come per i puristi del Qui ed Ora.

 

Alberto Mattei affronteremo questi argomenti:

  • Chi sono i Nomadi Digitali?
  • Il percorso umano e lavorativo di Alberto
  • Come si sta evolvendo il lavoro da remoto e il movimento dei Nomadi Digitali
  • Co-living e networking, per condividere progetti ed energie creative
  • Da dove cominciare per costruirsi una carriera da Nomade Digitale?
  • I Nomadi Digitali per fare ripopolare piccoli borghi rurali

 

CHI E’ ALBERTO MATTEI?

Su NomadiDigitali.it Alberto si racconta così:

“Online publisher. Esperto di comunicazione online e consulente freelance per lo sviluppo di progetti web.

Amo viaggiare e da sempre ho cercato di trovare uno stile di vita non convenzionale, che mi permettesse di dedicarmi a questa mia innata passione. Durante un viaggio in Messico ho casualmente scoperto che nel mondo ci sono persone che riescono a vivere ovunque lavorando grazie a un computer portatile e una connessione a Internet.

Ho deciso che quella sarebbe stata anche la mia strada e così è iniziata la mia avventura! Ho dato vita a questo progetto per diffondere anche in Italia questo nuovo stile di vita e di lavoro.”

 

VOLETE SAPERNE DI PIU’ SUI NOMADI DIGITALI?

Alberto mi ha invitato a cominciare da questi due articoli apparsi sul suo blog:

Il Nomadismo Digitale Come Nessuno lo Ha Mai Raccontato Prima

Guida Completa alle Opportunità di Carriera e di Crescita Professionale per Lavoratori da Remoto e Nomadi Digitali

Li ho trovati illuminanti e credo possano piacere anche a voi.

 

I LIBRI CONSIGLIATI DA ALBERTO MATTEI

L’iconico Anatomia dell’irrequietezza di Bruce Chatwin per comprendere quali passioni più o meno nascoste agitano nella mente e nel cuore di un nomade digitale.

Remote: Office Not Required  Remoto di Jason Fried per comprendere da vicino il fenomeno e le possibilità di lavoro dei Nomadi Digitali

Partire dal Perché di Simon Sinek  per comprendere da dove cominciare e trovare una direzione per chi comincia ad accarezzare l’idea di diventare un Nomade Digitale (e non solo!)

Business model you. Il metodo per reinventare la propria carriera di Tim Clarke per chi cerca un modello di business personale, un ottimo manuale che aiuta a creare una vision intorno alle proprie competenze e passioni.

Grandi classici come Partire leggeri. Il metodo Lean Startup di Erik Ries per le tante case studies, e per l’approccio lean.

 

I BLOG CONSIGLIATI DA ALBERTO MATTEI

Nomad List – informazioni sulla vita nei vari paesi costi della vita link interessanti

Act of non conformity blog di Chris Guillebeau su stili di vita e cambiamento

Per Il marketing il blog del grande Seth Godin

 

Vi interessa la discussione sui Nomadi Digitali?

Vi ricordo il Podcast dal Messico con Gianluca Orlandi, particolarmente generoso di informazioni e quello con Diana Facile che ha invece optato per un Part Time Verticale coniugando la possibilità di viaggi lunghi (3-4 mesi) con un lavoro a posto fisso!

Lavorare con un part-time verticale per viaggiare di più con Diana la Globetrotter
Come diventare un Nomade Digitale con Gianluca Orlandi di Cambiare Vita

 

DOVE TROVARE ALBERTO MATTEI?

Sul suo blog: NomadiDigitali.it

Sulla sua pagina Facebook: @nomadidigitali

 

IL PROSSIMO PODCAST

Frodo a Downing Street Londra - Turisti per Sbaglio

Vi ricordo che il Podcast n. 025 andrà in onda lunedì 24 dicembre 2018, parleremo con Francesca del Blog Senza Zucchero Travel. Francesca è una blogger che stimo tantissimo, ha una cura speciale per tutti i dettagli, dalla scrittura, alla grafica, dalle foto ai video. E sopratutto una personalità spiccata con cui guardare il mondo.

Non è un caso che abbia scelto proprio lei per inaugurare la nuova serie di Podcast a tema di Viaggi. Francesca infatti ci accompagnerà per un tour a Londra, inaugurando la nuova stagione del Podcast che a puntate alterne si dedicherà ai viaggi. E chi mi ha fatto volare tra mille ricordi di gioventù, ma anche del nostro on-the-road in Gran Bretagna nel 2014 (vedi foto al 10, Downing Street) che fu causa (merito?) della nascita del Blog di noi, Turisti per Sbaglio.

Per la backlist delle puntate potete sfogliarne l’elenco su:

Turisti per Sbaglio, il Podcast

 

DIMMI LA TUA

C’è un po’ del Nomade Digitale in voi? Da dove comincereste?

Mi trovi su FacebookTwitter o lascia un commento qui sotto 🙂

* Questo articolo contiene link di affiliazione con Amazon.com. Questo significa che per ogni acquisto che farai su Amazon partendo da questi link, Amazon riconoscerà al mio blog una piccola commissione (chiaramente senza alcun sovrapprezzo per te che acquisti!). Le affiliazioni sono un modo in cui tu lettore puoi sostenere un blog in cui credi. Grazie 🙂

Crearsi un Lavoro come Nomade Digitale: Intervista a Alberto Mattei

Un pensiero su “Crearsi un Lavoro come Nomade Digitale: Intervista a Alberto Mattei

  • dicembre 10, 2018 alle 15:45
    Permalink

    Interessante l’argomento, spero di ascoltarlo stasera mentre cucino per i suoceri. Interessante anche i podcast sui viaggi, non vedo l’ora di ascoltare quello con Francesca.
    Buona settimana carissimi <3

    Rispondi

Quattro chiacchiere ed una tazza di... te!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: