Hiking on Lake Bohinj Slovenia - 12_new

Il tempo stamani, sul Lago Bohinj nel Parco Nazionale del Triglav, sembra incerto, ma noi siamo reduci da una settimana cittadina a Vienna, e vogliamo proprio sgranchire le gambe, camminare e respirare… verde a pieni polmoni! Dunque, per l’immensa gioia di Frodo, stamani quale che sia il tempo, bastoncini in pugno, scarponi ai piedi si va, anzi si sale verso il Rifugio di Dom na Komni, una bella passeggiata che si accorda bene agli orari comodi di questa giornata.

Ci lasciamo il Lago Bohinji alle spalle e ci inoltriamo in una foresta di verdeggianti latifoglie così verde da non sembrare sia reduce dell’estate. Siamo a settembre e nei nostri boschi del sud si avverte quando una secca estate ha fatto il suo corso, qui invece pare si sia ancora nel rigoglioso vegetare di fine primavera.

Che si sia in Slovenia ce lo dice subito la grande pulizia e le casette belle che portano verso il bosco. Hanno tutte facciate in legno, fiori a profusione, la legna già pronta per l’inverno e disegni a fiori stilizzati a decorare le facciate. Per strada non una carta in giro eppure 10 giorni fa questi luoghi erano all’apice della stagione turistica.

Hiking on Lake Bohinj Slovenia - 14_new Hiking on Lake Bohinj Slovenia - 08_new

Comincia la salita e ci perdiamo a guardare il cielo tra il fogliame, fino a quando le fronde si aprono ed invitano lo sguardo verso il basso: c’è uno spicchio di cielo rimasto incastrato tra il verde dei boschi e dei prati. È il nostro lago Bohinji che diventerà sempre più lontano man mano che saliamo. Infine guadagniamo il rifugio dove ci attende un riposello ed un pranzo a dire il vero un po’ più spartano rispetto a quelli luculliani cui i rifugi Austriaci ci hanno abituato (viziato?). Lo spettacolo di fuori è grandioso, ci perdiamo tra le vette delle Alpi Giulie, potessimo trattenerci ancora per qualche giorno ci sarebbero escursioni ed escursioni a riempire ciascuna delle nostre giornate nel Parco Nazionale del Triglav.

Scendendo prendiamo una pioggerella sottile, ma non ne siamo preoccupati ci attende la nostra calda casetta in legno presso lApart-Hotel Alpik sul Lake Bohinj di cui vi abbiamo nel precedente post sulla Slovenia.

A tifare per una partita persa

Per la prima volta in viaggio ci prende un insano desiderio di pizza, c’è un asporto vicino la nostra casetta ordiniamo e nell’attesa ci sediamo nella saletta con TV. C’è la partita Slovenja-Italia di basket, e diventiamo bersaglio di simpatici motteggi, rispondiamo canestro per canestro in un’atmosfera così familiare che, se non avessimo lasciato il cane solo solo a casa, ci verrebbe voglia di restare qui, continuando a tifare per una partita persa in partenza, tra una risata, una birra ed un trancio di pizza. Ecco “I feel Slovenja” è il claim più giusto per questo paese straordinariamente accogliente, ritorneremo!

Mappa Ukanc, Lago Bohinj e il Rifugio Dom Na Komni

Slovenia, un trekking sul Lago Bohinj da Ukanc al Rifugio Dom na Komni

7 pensieri su “Slovenia, un trekking sul Lago Bohinj da Ukanc al Rifugio Dom na Komni

  • maggio 5, 2016 alle 18:50
    Permalink

    Ma come sono adorabili quelle casette. I racconti delle vostre escursioni mi fanno respirare aria buona 🙂

    Rispondi
    • maggio 5, 2016 alle 22:54
      Permalink

      é stata davvero una breve incursione in Slovenia… ma abbiamo visto quanto basta per incuriosirci e voler tornare 🙂

      Rispondi
  • maggio 24, 2016 alle 16:59
    Permalink

    Ci sono stati circa tre anni fa e sono rimasto davvero molto colpito da quei posto così autentici e incontaminati!

    Rispondi
    • maggio 25, 2016 alle 12:23
      Permalink

      Anche noi ci siamo stati 3 anni fa, magari ci siamo incrociati! Avete visto qualcosa di speciale? Non esitate ad inserire un link nel commento così vengo a trovarvi. Grazie della visita 🙂

      Rispondi
      • maggio 25, 2016 alle 17:10
        Permalink

        Quanto è piccolo il mondo 🙂 All’epoca viaggiavo in solitaria e Map & Fork non esisteva ancora. Sono passato a Bohinj dove ricordo di aver visitato la Chiesa di San Giovanni Battista, risalente alla metà del XI secolo e decorata con stupendi affreschi per poi salire con la funivia fino a Vogel. Nell’entroterra visitai anche Bled e il suo magico lago, le gole di Vintgar per poi passare al mare con Portorose e la splendida Pirano.
        PS: Il link al nostro blog lo trovi cliccando sul nostro nome 😉

        Rispondi

Quattro chiacchiere ed una tazza di... te!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: