Lancaster - Il Castello

Siamo stati a fare la spesa a Lancaster nella solita giornata di freddo e pioggia. Meno freddo che a Bentham in ogni caso. Mi immaginavo di trovare una cittadina un po’ anonima, un po’ sciatta (mi rendo conto che il mio cervello vive di vita sua, e spesso crea a mia insaputa immaginari ed aspettative del tutto fuori luogo rispetto a luoghi, eventi e persone). Malgrado il tempaccio Lancaster ci è sembrata davvero carina. Un intrico di strade e stradine con casette basse ed una certa continuità architettonica, in particolare verso il Castello dove le strade sono tutte ciottolate e le case hanno pulite facciate georgiane. Nel castello i cani non sono ammessi neppure nella corte interna, la visita dura un’ora e, dato il freddo, abbiamo desistito all’idea di fare i turni.

Lancaster - La CattedraleA turno siamo invece entrati nella Priory, un edificio severo con le pareti annerite e la torre squadrata. Al solito non vi canto né pregi architettonici né storia (descritti in qualsiasi guida meglio di quanto potrei mai fare io), mi è piaciuto più di tutto una delle navate laterali dal cui soffitto in scura quercia scendevano bandiere inglesi e araldi nobiliari pronti ad animarsi appena pronunciata la giusta formula magica supercallimagicextramotus: Pomi d’Ottone e Manici di Scopa deve essere nato qui.

Pomi d'Ottone e Manici di Scopa deve essere cominciato qui... UK 2014 - Lancaster - 09 bedknobs-and-broomsticks

Al 12 di China Street ci siamo fermati naso per aria: l’irresistibile richiamo di caffè tostato e macinato e siamo entrati in un tempio del caffè Atkison et co. Sacchi di caffè per terra che aspettano la tostatura, che viene sapientemente effettuata per piccoli quantitativi proprio di fronte a voi. Un’infinità di vasi lanciano nell’aria aromi evocativi. Sembra di avere fatto un salto indietro nel tempo, quando il commercio di spezie, tè e caffè era alla base dell’economia britannica. Una ragazza giovane e gentile mi invita a sentire il profumo di infinite varietà di tè racchiuse in grossi barattoli di latta dai coperchi ermetici, Tè alla vaniglia, Earl Grey, ai petali di rosa e di violetta, al frutto della passione, il migliore tè darjelling ed un tè assan al gelsomino cui non resisto.

UK 2014 - Lancaster - 20 UK 2014 - Lancaster - 19 Lancaster - Specialty Coffee ShopInfine verso il centro storico a fare incetta di verdure, marmellate e miele: oggi è giornata di mercato. La vita del viaggiatore ti porta ad aguzzare i sensi, vista ed olfatto sono fondamentali e così per il pranzo scegliamo tra le tante proposte lo stand di Sanah. Una botta di fortuna visto che, avrei scoperto poi, i nostri ospiti di Bentham e persino TripAdvisor ne decantano la bravura. Mangiamo su una panchina un ottimo curry al pollo e le migliori samosa vegetariane che mi siano mai state servite. A preparare il tutto in un piccolo banchetto due giovani donne indiane. Cibo superbo, come difficile trovarne nei ristoranti.

Lancaster - Shopping Time anche per FrodoDopo giorni di “selvaggitudine” mi diverto a guardare le vetrine dei negozi, fin quando i sordi brontolii di Giovanni prima e di Frodo poi mi dicono che il mio Dream Time è finito. Troviamo un caffè-libreria che ammette anche Frodo e finalmente possiamo scaldarci un po’ con un tetto sulla testa, un caffè bollente tra le mani, ed una bella porzione di Carrot Cake (dovrò trovarne una ricetta).

Lancaster - Libreria e caffé, e la nostra adorata Carrot Cake

Fin qui tutto ok, ma noi siamo sempre dei Turisti per Sbaglio…

Torniamo al parcheggio, e mi disturba un po’ che per uscire si debba salire su una brutta rampa al secondo piano. Ad ogni modo saliamo un po’ angosciati sotto il basso soffitto, ma è andata bene. Svoltiamo per l’uscita e CRACK! Esco e ho di fronte il triste spettacolo della macchina incagliata in una sorta di cartongesso che abbassa il soffitto proprio un paio di centimetri di troppo. Per dire tutta la verità stamani quando siamo arrivati all’ingresso del piano terra c’era scritto “Maximum height 1,93”, io sono scesa dalla macchina, effettivamente il box-auto ha toccato leggermente l’assicella di legno, ma che sarà mai, ci saranno pur sempre quei 4-5cm di tolleranza. E abbiamo parcheggiato felici di aver trovato parcheggio presto, in centro, senza traffico, ad un prezzo decente (a Windsor le cose erano andate peggio dall’inizio). Marcia indietro, e riparcheggiamo l’auto per esplorare a piedi il parcheggio e cercare una via più alta, ma il passaggio sotto il cartongesso pare proprio obbligatorio. Consideriamo anche di tornare contromano al piano terra e tentare un’altra via di fuga.

Parking _max Height La foto non è quella oginale ma rende l’idea…

Ma non c’è spazio per dubbi: abbiamo bisogno di assistenza. Un signore ci indica una sorta di citofono ed io spiego l’imbarazzante situazione ad un qualche operatore. Qualche minuto più tardi lo vediamo arrivare.

Senza giri di parole la prima domanda è ovviamente “ma stamani siete passati sotto l’assicella” Io: “si, ma giù il parcheggio è più alto che qui”; lui scuote la testa “se siete passati sotto l’asta di ingresso, potete passare anche qui..”, fronte bassa, guance rosse, biascico “beh effettivamente abbiamo toccato un po’ ma proprio un po’. Poi indico il punto sotto il quale non passiamo”. Mi rivolge uno di quegli sguardi che dice tutto “Ecco, i tipici italiani che devono sempre cercare di fregare il sistema, ma qui siamo in UK ed è il sistema a fregarti se tenti di fregarlo”. Poi con occhio clinico squadra l’auto (meglio valutare le cose di persona che continuare a fidarsi alle bugie di quei due) e ci dice di salire in macchina. Blocca le altre auto che devono uscire e ci fa fare uno speciale detour per emeriti imbranati. In qualche modo siamo fuori. Scendo per ringraziarlo di cuore, nonostante tutto. Non entreremo mai più in un parcheggio non idoneo a veicoli di almeno 2mt di altezza.

screenshot_44 Nuovi amici (e siamo super esperti di ogni area verde/filo d'erba in UK, che non è poco) UK 2014 - Lancaster - 15

16) Inghilterra 2014 – Lancaster, tra caffè storici, pomi di ottone, manici di scopa e parcheggi bassi… troppo bassi!
Tag:     

7 pensieri su “16) Inghilterra 2014 – Lancaster, tra caffè storici, pomi di ottone, manici di scopa e parcheggi bassi… troppo bassi!

Quattro chiacchiere ed una tazza di... te!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: